Cosa succede se manca l'Ape ante-intervento? Superbonus 110% per il 2021


L'Agenzia delle Entrate ha chiarito cosa accaderà sul fronte del superbonus 110 per cento nel 2021, nel caso in cui dovesse mancare l'Ape ante-intervento.



Prima di tutto dobbiamo ricordare che il cambiamento vantaggioso energetico avvenuto successivamente a un intervento per il quale viene richiesta la possibilità di usufruire del superbonus 110% deve essere dimostrato dall’ APE (Attestato di prestazione energetica), con un documento del PRIMA e DOPO intervento.

Secondo quanto chiarito dall'Enea, «nel caso di lavori iniziati prima del 1° luglio 2020 l'Ape ante intervento deve riferirsi alla situazione esistente alla data di inizio dei lavori».

Nel sottolineare che le detrazioni relative al superbonus 110 per cento vengano riconosciute, si dovrà dimostrare un miglioramento di almeno due classi energetiche tramite un attestato precedente per effettuare un raffronto dell’intervento di prestazione energetica effettuata. L’Agenzia delle Entrate ha chiarito che, “nel presupposto che i lavori siano iniziati prima dell'entrata in vigore del decreto 6 agosto 2020”, riguardante i requisiti tecnici per l'accesso alle detrazioni fiscali per la riqualificazione energetica degli edifici, l'Ape può essere scritto anche successivamente all'inizio dei lavori e dovrà riferirsi alla situazione esistente alla data di inizio degli stessi.

17 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

© 2023 House Dream Real Estate Italiare S.r.l. - P.IVA 12653731005.

Proudly created by Limitless Business  Lab